sabato 8 ottobre 2011

UNA VITA BREVE MA INTENSA

Combattivo, desideroso di uscire da quel groviglio di avversità che si sono abbattute sul suo corpo fin dalla giovane età. Ha conosciuto il gene della depressione familiare, poi il tifo, poi la tubercolosi. La propensione e l’amore per il disegno lo fanno iscrivere alle migliori scuole di Belle Arti dove conosce il profumo della bellezza del movimento impressionista, con un’attenzione particolare per un Cezanne attento anche ai profondi, interiori misteri del pensiero. Ma Modì era Modì e quella bellezza andava cercata in un mondo primitivo, fuori dagli schemi, forse un tentativo di rivincita del bene sul male. Trasferitosi a Parigi in quella Montmartre, centro indiscusso dell’arte mondiale, conosce i grandi di allora, da Picasso ad Apollinaire, da Derain a Juan Gris, da Brancusi a Soutine. L’alcool e la droga sono le sue medicine, forse per ritrovare le forze per rimanere in gioco, forse perché l’amore per continuare che solo un artista conosce è incontrollabile e scatenante. Si dedica subito alla scultura con quelle teste e quei visi che segnano l’appartenenza ad un altro mondo primordiale quasi fuori dalla civiltà. Ma la malattia incombe e le polveri delle sculture non perdonano. Il passaggio alla pittura è una delle cose più commoventi per un amante dell’arte. Quei colli, quei visi allungati così imperfetti da entrare nel mondo percepibile della perfezione, la bellezza dominante di quegli occhi, la compostezza delle mani, delle braccia, il nudo femminile, mai volgare, mai offensivo, con quella dignità che allora scaturiva in quei dipinti ma che gli venne riconosciuta se non con il passare degli anni. E poi l’amore per le donne, queste donne che fanno da sempre girare il mondo, che modificano il blu verso il rosa in Picasso , il grigio verso il bianco in utrillo, la bellezza e l’espressività che volge alla purezza in Modigliani. Assolutamente commovente quell’amore per la sua amata, che non accetta il decorso del male, che si dispera per la morte dell’amato, che rivuole ciò che le appartiene: quell’amore per il suo Modì, non può finire e per lei il suicidio assume il decoroso valore della rivincita dell’equo, del giusto, sulla sofferenza, sul dolore. Ora riposano in quella pace eterna, sicuramente mano nella mano, onorati dalla bellezza quasi inconcepibile di quella pittura, ma che porta verso il divino. (Maurizio G. )


Ringrazio yuk per questi suoi profondi pensieri che onorano una volta di più questo Grande Artista. Le parole di Maurizio ci fanno capire che Modì pur essendo morto in giovane età e dopo una vita travagliata e sregolata, ha avuto ciò che voleva e desiderava.."una vita breve, ma intensa".





Un rapido lampo sfolgorante


Aveva un sorriso così gentile che non gli si poteva rifiutare nulla. Aveva l’aria di un giovane Dio vestito da operaio alla domenica…Forse Amedeo tremava di freddo, di alcool e di disperazione sui boulevards di Parigi, ma la sua mano mai tremò sulla pagina o sulla tela.





Autoritratto


"Dal fango me ne vado, ormai conosco la vita, fra un istante sarò solamente polvere" (Modì)

Alice
ragazzo con cappello
Non cessò mai di essere attratto dalla gente e la ritraeva, per così dire, con abbandono, incalzato dall'intensità del sentimento e della visione.


Ritratto a Paul Guillaume


"Non aveva amatori e nessun altro artista o poeta lo prendeva seriamente.
Ridevano dei suoi disegni, dimostrando poca importanza per i suoi quadri e gli “amici” di allora non erano gli stessi che poi si rivelarono in seguito quando divenne famoso." (Guillaume che fu il primo a credere in lui)


Modigliani- Jaques e Berthe Lipchitz-


"Beveva e diventava furioso dopo un bicchiere, ma davanti alla tela non fu mai furioso."
(Lipchitz)


Ritratto a Pablo Picasso-
La leggenda racconta che in letto di morte Picasso chiamò più volte il suo nome e,
anni prima, a chi gli domandò chi fosse il più grande pittore lui rispose.. "Non saprei rispondere, ma quello che di sicuro posso dire è che uno dei pittori che ho maggiormente temuto e rispettato fu Amedeo Modigliani"


Donna con bambino


"La vita è un dono: dei pochi ai molti: di coloro che sanno e che hanno a coloro che non sanno e che non hanno ." (Modì)

Jeanne Habuterne


“Color d’amore e di pietà sembianti
non preser mai così mirabilmente
viso di donna, per veder sovente
occhi gentili o dolorosi pianti,
come lo vostro…” Dante


"..Dipingeva Jeanne con tutta l'intelligenza e la dolcezza di cui era capace.."



"La sua era un'arte di sentimento personale. Lavorava con ardore, schizzando un disegno dopo l'altro senza fermarsi a correggere o a riflettere. Sembrava che lavorasse mosso esclusivamente dall'istinto, che aveva tuttavia assai fine e sensibile"(Lepchiptz)

"Quella forma semplificata a perdita di carezza" (Franchi)



"Il tratto è la bacchetta del mago, sapersene servire è proprio del genio-"(Modì)

...il colore ridente dei suoi nudi così sessualmente schietti .










Jeanne Habuterne
Jeanne lo amò perchè egli si lasciava amare






"Un collo pallido com'è quello dell'amore"
Ritratto-Jeanne Hebuterne- Ci guarda chinando la testa, accarezzata dal segno con cui Modì, amorosamente, decisamente, la racchiude...
quasi una lettera d’amore…sussurra e mormora come chi sussurra le parole ardenti accarezzando l’essere amato...

(Jeanne Hebuterne)
Modì spesso le ripeteva..“Il tuo vero dovere è di salvare il tuo sogno”
..Jeanne lo rispettò fino alla fine, salvando il suo amore,


e, donna della sua vita, legata all’artista
in maniera inscindibile, seguirà il suo amato...

48 commenti:

  1. Bellissime parole, bellissimi quadri. Un post capolavoro. grazie. yuk.

    RispondiElimina
  2. "Il vero dovere è salvare il tuo sogno" ecco il messaggio da fare caro!
    ciao e buona domenica

    RispondiElimina
  3. Bruna, un capolavoro il tuo post ...tutti noi ti ringraziamo per questo bellissimo messaggio e per le emozioni che ci hai donato

    RispondiElimina
  4. Bruna, post intenso ed emozionante!
    Complimenti.

    RispondiElimina
  5. bellissimo post ,grazie
    un caro saluto

    RispondiElimina
  6. Ciao carissima Bruna, son sempre io e sono qui:

    http://wasp-sanremo.blogspot.com/2011/10/blog-post.html

    Grazie

    RispondiElimina
  7. ..mi piace.. mi piace.. mi piace....

    RispondiElimina
  8. Un grazie va a te yuk,
    perché le tue parole che con grande sensibilità e rispetto sono entrate nella vita di questo artista, che tu sai quanto io ammiri, mi hanno aiutato e spinto, per rendergli onore,
    nella ricerca e scelta di alcune opere, tra le sue tante che più mi colpivano.
    Ho voluto "ornarle" con aneddoti di chi l’aveva conosciuto , con rime di Dante e suoi scritti che sono come poesie.
    Dici che ne é uscito un capolavoro? Non lo so, a me basta che chi entrerà in questo post, lo ami per quello che ci ha lasciato. Un abbraccio
    Brunildotte.

    RispondiElimina
  9. Ciao Azzurra,
    si, grande il messaggio che Modì voleva Jeanne amasse...."il vero dovere é salvare il tuo sogno"...
    ed ella, giovane, pur madre ed incinta di un altro suo figlio..
    tenne fede.
    Buon inizio di settimana carissima
    Abbraccio
    Bruna

    RispondiElimina
  10. Grazie Simo,
    è sempre molto poco per dire quanto è stato grande questo artista che era dolcissimo nello stupore, senza pregiudizi, né cattiverie, ma carico di candore.
    Cio un abbraccio
    Bruna

    RispondiElimina
  11. Ciao Gianna,
    grazie per il tuo apprezzamento, che non poteva essere altrimenti perchè sei una persona molto sensibile e sai capire il bello.
    Non tutti appezzano questo tipo di pittura, ma io e yuk, che molto ammiriamo Modigliani,
    abbiamo cercato di fare amare
    questo che fu definito "artista maledetto" per il suo stile di vita
    sregolata, da boheme, ma che fu un grande Maestro.
    Un abbraccio
    Bruna

    RispondiElimina
  12. Buona giornata Amalia,
    lo sapevo che ti sarebbe piaciuto...
    Spero che da te vada tutto meglio,
    tu sei forte e supererai anche questo momento difficile.
    Bacio
    Bruna

    RispondiElimina
  13. Wasppp,
    ogni tanto ti si rivede.
    Sempre bello il cielo di San Remo? Penso proprio di si.
    Ciaoooo
    abbraccio
    Bruna

    RispondiElimina
  14. Gabe,
    grazie e buona giornata d'inizio settimana.
    Il grande Modigliani, toscano come me, mi è entrato nel cuore.
    Non finirei mai di stare a guardare quegli occhi azzurri, malinconici della sua Jeanne..
    di questa Jeanne, donna che ha amato ed è stata fortemente amata da questo Grande e che assieme hanno finito, giovanissimi, la loro esistenza, forti di questo amore.

    Ti abbraccio
    Bruna

    RispondiElimina
  15. Loris, ciao
    questo tuo triplicato.."mi piace..."
    dice molto!!!
    Tu, che sei un grande intenditore d'arte...e ne sa qualcosa il tuo blog...
    mi hai fatto un grande complimento, facendomi capire che è passato ciò che io e yuk volevamo si comprendesse.
    Grazie...grazie...grazie...
    Un abbraccio
    Bruna

    RispondiElimina
  16. Quanto sono struggenti queste parole di Modì: ""Dal fango me ne vado, ormai conosco la vita, fra un istante sarò solamente polvere".
    Hai pubblicato un post bellissimo.

    RispondiElimina
  17. Un post immenso, splendido, ineguagliabile. La mia ammirazione per te è totale perché, tra l'altro, hai inserito dei dipinti che non conoscevo e mi hai fatto ricordare Modigliani un pittore-poeta del quale mi è sempre rimasto impresso il suo straordinario talento nel dipingere il collo dei suoi soggetti specialmente quello delle donne.
    Un abbraccione e...grazie,
    aldo.

    RispondiElimina
  18. Ciao Ambra,
    mi ha sempre fatto tanta tenerezza questo artista, forse perchè lo sento dolcemente fragile...
    magari non lo era affatto,
    perchè le sue opere hanno tanta forza dentro.
    Era generosissimo...si dice che un giorno era ad un tavolo di un bistrot e velocemente, com'era sua abitudine, tracciava disegni che regalava a chi passava di là....
    Buona serata
    Bruna

    RispondiElimina
  19. E' vero Aldo,
    era, oltre che un grande pittore, anche un poeta e mi sono rimasti impresso alcuni suoi pensieri come..
    “Piove le lacrime
    di chi non ha potuto raggiungere
    le stelle”...

    “Evoco…frastuono
    gran frastuono silenzioso
    nella mezzanotte dell’anima.
    O gridi silenziosi
    estremi richiami di melodie altissime
    verso il sole”...

    “Le trombe del silenzio
    barche di quiete
    addormentano e cullano
    fino alla nuova aurora.”

    Ma l'alccol che fu una delle cause che lo portò giovane alla sua fine, gli fa dire
    "L’alcool ci isola dall’esterno…e ci aiuta ad entrare dentro di noi"...
    Chi lo sa, forse aveva bisogno anche di questo...
    Ciò non toglie che fu un Grande Maestro e che le sue opere riempiono l'anima di commozione e di dolcezza.
    Ti abbraccio forte
    Bruna

    RispondiElimina
  20. Ci tengo ai tuoi saluti ed al tuo affetto,e corro subio a tranquillizzarti:va tutto bene,sarò a casa per fine settimana,poi ti racconterò....
    Un abbraccio e tutta la mia ammirazione per un post fantastico.Se anche non amassi o non capissi Modigliani, i dipinti ,le notizie,i versi pubblicati me lo farebbero amare un po di più.Sei coinvolgente!
    Bacioni

    RispondiElimina
  21. Chicchinaaaaaa oddioo come sono felice di rivederti. Mi sei mancata, sai? La tua presenza sul mio blog è sempre una gioia per me.
    Sono contenta che stai bene ed allora continua pure la tua vacanza che ti auguro sia riposante e colma di mare e sole.
    Penso che poi avrai tante cose da raccontarci.
    Ti aspetto. A presto.
    un bacione grosso
    Bruna

    RispondiElimina
  22. Grandioso post. E' stato come venire preso per mano e accompagnato a vedere e gustare una bellisisma mostra d'arte. Grazie, amica mia! :)

    (e grazie per il tuo splendido contributo nei commenti al mio, di post... là per ora non ho risposto a nessuno, perché dato l'argomento preferisco, per una volta, rimanere in silenzio... un abbraccio ideale al ricordo del tuo babbo)

    RispondiElimina
  23. Ciao Diana Bruna,bella presentazione,amo il genere,grazie delle emozioni.
    Buona serata.
    Un bacio.

    RispondiElimina
  24. Grazie ZioScriba,
    è troppo grande Modigliani per non restare affascinati dai suoi capolavori.
    Per ciò che riguarda il tuo post...ti comprendo e rispetto il tuo silenzio..che proprio come diceva Modì sono "gridi silenziosi, estremi richiami di melodie altissime verso il sole"
    Buona serata
    Un abbraccio
    Bruna

    RispondiElimina
  25. Ciao Achab,
    grazie a te per essere qua, e sono felice d'avere regalato a tutti voi le stesse emozioni che ho provato io nel proporre questo Grande.
    Un abbraccio
    Bacio
    Bruna

    RispondiElimina
  26. Wowwwwwwwwwwww!!!
    Sono rimasta senza respiro nell'ammirare i dipinti e ho divorato la lettura di questo esaustivo post...
    Brunildotte cara dire che è fa-vo-lo-so è poco... emozionante e ricco di notizie e oltre che ringraziare te per la condivisione... un ringraziamento và a Modì per ciò che ci ha lasciato... grazie!!!
    Ehiiiiiiii mia cara è da molto che non ti stritolo... e allora ecco una bella stritolatina... però lascio anche degli smackkkoni con lo schiocco :-) Ciauuuuuuuuuzzzz!!!

    RispondiElimina
  27. Grazie Paoletta,
    ci tenevo a postare Modigliani perchè sapevo che questo Grande con la sua fragilità, ma anche con la forza dei suoi capolavori, avrebbe toccato i sentimenti di molti.
    Grzie anche del tuo stritolamento... ne avevo bisogno...
    poi ti dirò.
    Bacio schioccoloso e abbraccio altrettanto stritolante
    Brunildotte

    RispondiElimina
  28. Non ho mai amato Modigliani e non ho paura di dirlo. Non so perché, tutti abbiamo qualcosa che ci piace o meno, anche se riconosco che ha lasciato una grande impronta nell'arte. Quanto a Jeanne, ha lasciato una bimba piccola...ciao, Arianna!

    RispondiElimina
  29. Arianna ciao,
    meno male che non tutti abbiamo lo stesso gusto...anche nell'arte...altrimenti sarebbe una noia!!!
    Non abbiamo però il diritto di giudicare gli atti di alcuno...perchè non sappiamo se nella loro stessa condizione la nostra reazione sarebbe stata diversa.
    Un abbraccio e buona serata
    Bruna

    RispondiElimina
  30. Davvero interessante questo post ,ho respirato tanta arte, grazie per quello che hai proposto!!!

    RispondiElimina
  31. vivere intensamente per non avere poi rimpianti per quello che si sarebbe potuto fare e non si è fatto!

    RispondiElimina
  32. Grazie a te Elettra
    e buona giornata.
    Si, ogni tanto sentiamo il bisogno di respirare arte e Modigliani sa portarci con le sue opere, in un mondo tutto bohème....forse dissipato, forse non del tutto compreso...ma nel quale sono cresciuti i più grandi artisti impressionisti, il cubismo di Picasso...
    Ciao carissima
    buona giornata e un abbraccio
    Bruna

    RispondiElimina
  33. Ennio,
    benearrivato in questa "casa".
    Hai ragione...mai dovremmo avere rimpianti per quello che non abbiamo avuto la possibilità di concretizzare... e le circostanze possono essere molte...
    tanto più se si pensa che la vita non è come girare una scena di un film, che la si puo' ripetere se non viene bene...
    Il tempo va e se non si coglie il meglio di quello che ci viene offerto...allora si che sopraggiungono i rimpianti...
    non dovremmo mai perdere le occasioni per vivere una vita migliore.
    Ciao buona giornata
    Bruna

    RispondiElimina
  34. grazie per avere condiviso la bellezza dell'arte e della poesia di un Grande Artista. un abbraccio

    RispondiElimina
  35. Grazie Alessandra,
    è stato un piacere per me dare vista a questo Grande, che ci ha lasciato opere che fanno amare l'arte per la loro originalità,
    cariche di sensibilità e dolcezza.
    Ciao buona serata
    Bruna

    RispondiElimina
  36. Il mio amico Adamus mi ha fatto avere il messaggio e così sono venuta personalmente...no, non sono io la persona che dicevi, ma colgo l'occasione per entrare nel tuo blog e seguirlo con piacere...

    complimenti per il blog...adoro la poesia, suscita stupende emozioni...

    dolce sera...

    RispondiElimina
  37. Grazie Angelo blu,
    avevo un'amica alla quale volevo molto bene, ma poi non si è più vista nel blog, allora avevo pensato che avesse cambiato link..
    comunque mi fa piacere che tu Angeloblu sia qua da me e mi auguro che ritornerai.
    Spero di potere entrare anch'io per metterti commenti perchè il tuo blog mi piace.
    Ciao buona notte
    abbraccio
    Bruna

    RispondiElimina
  38. Post decisamente culturale, brava Bruna, così si ricordano i grandi Artisti. Ti auguro un felice weekend, a presto.

    RispondiElimina
  39. Diana,ci sono,finalmente e passo a salutarti,il meno che possa fare dopo tanta latitanza!Così ho riletto con calma il post e apprezzato le opere che hai magistralmente postato,con dei sapienti commenti a corredo.
    Un buon fine settimana,carissima,e ..ci sentiremo.Ciao

    RispondiElimina
  40. Buona domenica caro Adamus,
    a me nel proporre un artista piace, oltre a postare le sue opere che più mi hanno colpito, anche quello che di lui pensavano gli altri che vivevano nel suo tempo, o i pensieri dello stesso.
    Mi sembra in questo modo di farlo amare e conoscere più in profondità.
    Grazie
    bacio
    Bruna

    RispondiElimina
  41. Chicchina "deo gratis"....
    sono proprio contenta che sei ritornata alla base....
    dopo lunghissima vacanza che mi auguro sia stata bellissima.
    Oggi non ci sono per tutto il giorno, ma quando ritorno questa sera ti chiamo.
    Ciaooooooo buona domenica
    Bacissimo
    Bruna

    RispondiElimina
  42. Bellissimo e "innamorato" questo tuo articolo.
    Ho scoperto Modì a 13 anni: tra le pagine dell'antologia -in terza media- c'erano le riproduzioni di una sua natura morta e di u ritratto...letteralmente mi folgorarono e le guardavo spessissimo con intensità e ammirazione.
    Parole perfette "ritraeva le persone con abbandono" ...e tutto ciò che scrivi di lui.

    RispondiElimina
  43. Modigliani, è forse l'unico pittore fuori dagli schemi che amo: nei suoi ritratti c'è poesia , specie in quelli in cui ritrae la sua amata Jeanne. Vidi, molto tempo fa il film Montparnasse in cui Gerard Philipe interpretava Modì affiancato da Anouk Aimée: ne rimasi affascinata. Bellissimo post, cara Bruna, e belli i pensieri che hai riportato.
    Un caro abbraccio e dolce notte

    RispondiElimina
  44. Buongiorno cara Sandra,
    si, è un bello scoprire a tredici anni, perchè Modì è romanticamente commovente e non puo' altro che emozionare.
    Le sue opere sono centinaia e tutte bellissie, ma io ho cercato di mettere quelle che forse le persone conoscono di più.
    Ciao un abbraccio
    Bruna

    RispondiElimina
  45. Ciao Paola,
    che bello rivederti. Lo sai che stavo un po' in pensiero perchè non capivo la tua assenza?
    Ora però sei qui e mi fa piacere che anche tu ami Modigliani....anch'io trovo struggenti i ritratti alla sua Jeanne i cui occhi dicono tutto il suo amore...
    Varissima, ti abbraccio
    Bruna

    RispondiElimina
  46. Una vita più affascinante ed intensa di un romanzo!

    RispondiElimina
  47. Buona sera Costantino,
    ogni vita è un romanzo, ma quella di questo grande artista, si è proprio svolta come un romanzo che ha lasciato di sé grandi opere.
    Ciao
    Bruna

    RispondiElimina