sabato 12 gennaio 2013

LA REGINA DELLE AMAZZONI

Mentre Troia era assediata dai Greci, tra tutti i difensori della città si distinse Ettore, figlio del re Priamo.
 
Perciò dopo che Ettore fu ucciso da Achille, i Troiani rimasero senza un comandante forte e coraggioso e già disperavano della loro salvezza, poiché la situazione era molto grave,
 
quando venne in aiuto dei cittadini Pentesilea, regina delle Amazzoni
"Guida squadre d’Amazzoni, dai brevi scudi lunati, Pentesilea feroce e in mezzo a migliaia infuria, sotto la nuda mammella il cinto d’oro allacciando, amante di guerre, e vergine ardisce scontrarsi con uomini."
 
 
 
con un piccolo gruppo di compagne.
Le Amazzoni, vergini di aspetto particolare e di eccezionale forza, abitavano nel Ponta vicino la foce del fiume Termodonte e praticavano l’arte militare dalla fanciullezza.
Il loro arrivo rianimò gli animi dei Troiani e, sotto il comando di Pentesilea, la guerra contro i Greci fu rinnovata. Dapprima i Greci furono spaventati dalla bellezza e dalla forza delle Amazzoni, poi, quando Achille e Aiace intrapresero il combattimento, i Toiani furono respinti nella città.
Allora Pentesilea, fiera delle sue forze, sfidò Achille a duello. Nella violenta battaglia lo scontro atroce fu vinto dalla mirabile vergine, ma vano, perchè Giove rifiutò la gloria della vittoria alla donna...
Infatti Achille trafisse il petto di Pentesilea con una lancia e le inflisse il colpo mortale.
Fu così che la regina delle Amazzoni trovò la morte sotto le mura troiane.
e, nell'istante in cui ella stava per morire, Achille le scoprì il viso. Davanti alla bellezza di questo volto, fu pervaso di dolore e si innamorò del suo corpo ormai esanime.

Il mito di Pentesilea, invita a considerazioni sulla condizione femminile,in quanto Pentesilea rappresenta l'azione delle donne, la loro capacità di andare al di là di quello che si ritiene scontato e spesso dipinte come mascoline e violente quando non sono sottomesse e passive, oltre l'inconciliabilità presunta di aggressività naturale, e naturale dolcezza, di forza e fragilità, di indipendenza e bisogno, di abbandono e risoluzione. Per noi donne la strada da percorrere per l'emancipazione e le pari opportunità è ancora lunga e tutta in salita perchè in momenti difficili siamo sempre noi a dovere risolvere i problemi che si presentano.
(tutte le immagini sono state da me tratte dal weeb)

35 commenti:

  1. La forza delle donne è infinita! Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Infatti è così. Buona domenica! Arianna

    RispondiElimina
  3. Eccola, finalmente,Pentesilea. E io l'accolgo anche come un regalo personale. Grazie, Bruna. La Mitologia è meravigliosa e getta un ponte tra il reale e il surreale, spiegazione mitica di un processo (forse) reale. Come potrò sdebitarmi, carissima amica di web?

    RispondiElimina
  4. Amazzoni, donne combattive e ricche di ideali!
    Un giusto ritorno alla virtù e alla determinazione del mondo femminile,e la puntualizzazione del suo valore, in una società in cui qualcuno tende a imporre versioni diverse e riduttive.

    RispondiElimina
  5. Cara Bruna un post che esalta che nel passato la storia ci racconta delle grandi donne...
    Tomaso

    RispondiElimina
  6. La nostra forza è incredibile.

    Buona domenica!

    RispondiElimina
  7. Bellissimo post,ottima anche la scelta delle immagini,buona domenica Bruna,un bacio.

    RispondiElimina
  8. Bella storia,... ma se invece di far guerra Pentesilea ci fosse andata con amore? ciao

    RispondiElimina
  9. Personalmente sono convinto che le donne debbano avere pari diritti dell'uomo, ma spero che non si arriverà a combattimenti sotto le mura di Roma perché possano far approvare quello che è, ne più ne meno, che un loro diritto. Ciao e buon 2013.

    RispondiElimina
  10. Simo, proprio così.
    Alla donna sono richieste mansioni che gli uomini non saprebbero mai portare a termine come noi....
    Siamo mamme, mogli, cuoche, infermiere, badanti, tuttofare, commercialiste ecc. ecc.
    Inoltre sono del parere che se dovessero loro dare la vita ai figli...nascerebbero solamente figli unici!!!
    Abbraccio
    Bruna


    RispondiElimina
  11. Eh si caro Cavaliere...il maschilismo è duro a morire, infatti anche in mitologia Omero ha fatto in modo che intervenisse Giove a dire...non sia mai detto che una donna possa prevalere e mettere in minoranza il Pié Veloce Achille!!!...
    E poco è cambiato..
    Ciao buona serata
    Bruna

    RispondiElimina
  12. Proprio così cara Arianna.
    Bacione
    Bruna

    RispondiElimina
  13. Come non essere d'accordo con te? E' dalla "notte" dei tempi che le donne hanno dovuto combattere per la loro libertà, la loro dignità. Ancora oggi il traguardo definitivo non è stato raggiunto.
    Magnifica quest'idea di affrontare un problema attuale con immagini e associazioni mitologiche.

    RispondiElimina
  14. Cari Sir,
    ogni promessa é debito...magari sono passati più di due anni, ma come vedi finalmente ti ho accontentato: questo post lo dedico a te se non altro per avere, con pazienza, aspettato così tanto!!!
    La mitologia é affascinante perchè ci fa immedesimare, secondo il nostro carattere, in personaggi che siano Dei e Dee, eroi e non eroi che, a ben vedere, hanno i nostri vizi e virtù.
    Ciao carissimo buona serata
    Bacione
    Bruna

    RispondiElimina
  15. Condivido pienamente. Un abbraccio.
    Erika

    RispondiElimina
  16. Caro Costantino,
    in effetti, in questa società, le potenzialità delle donne spesso non sono sufficientemente valorizzate mentre in ogni campo potrebbero prevalere.
    Molte sono le battaglie fatte da donne coraggiose, ma il cammino è ancora lungo ed a volte si ha la sensazione di tornare indietro negli anni anziché seguire i tempi che in questa società va tutto troppo velocemente.
    Buon inizio di settimana
    Un abbraccio
    Bruna

    RispondiElimina
  17. Ciao Tomaso,
    anche ora, come allora, spesso le donne sono bloccate nel loro cammino da chi pensa d'avere nelle mani le sorti del loro destino.
    Un abbraccio
    Bruna

    RispondiElimina
  18. Si Gianna, io sono sempre dalla parte delle donne e quindi combattiva affinchè tutte si possa avere gli stessi diritti, perchè dando alle donne dignità nel lavoro e nella vita di tutti i giorni, non solo si fa il bene delle donne, ma della società tutta.
    Bacione
    Bruna

    RispondiElimina
  19. Kylie cara,
    la nostra forza sarebbe maggiore se solamente fossimo più unite, purtroppo questa società aiuta all'individualismo e forse è proprio questa la causa per cui le donne stentano a farsi strada in molti campi, soprattutto del lavoro che è quello che dà l'indipendenza e quando una donna è indipendente non si fa maltrattare.
    Buon inizio di settimana
    Abbraccio
    Bruna

    RispondiElimina
  20. Grazie caro Achab,
    per le foto ho fatto una ricerca sul google per potere "condire" il mito di questa Amazzone che ha perduto la vita per andare in aiuto al popolo dei Troiani.
    Ciao
    Baciotto
    Bruna

    RispondiElimina
  21. Fer,
    ma Pentesilea, pur essendo un'amazzone e portata alla battaglia, era andata per amore del popolo troiano, dove in quel momento avevano perduto il loro eroe Ettore ucciso per mano di Achille e perciò subivano l'invasione da parte degli achei.
    Ecco perchè dico che il suo secondo me era amore, a parte che le guerre non dovrebbero mai esserci!!!
    Ciao
    Abbraccio
    Bruna

    RispondiElimina
  22. Ciao Elio,
    non credo che sia necessario che le donne vadano ad ingaggiare una battaglia sotto le mura di Roma, basta che sappiano fare valere i loro diritti, facendo approvare in parlamento, leggi giuste a favore della famiglia, del lavoro, insomma leggi che diano dignità alla condizione femminile, che sarà un bene per tutta la società e non solo delle donne.
    Buon inizio di settimana (visto che è già passata la mezzanotte)

    RispondiElimina
  23. Cara Ambra,
    come giustamente dici tu è dai tempi remoti che la donna ha dovuto combattere per tenersi a galla.
    A volte abbiamo l'illusione che i tempi siano cambiati, ma non ci resta che leggerei giornali per renderci conto di quante donne sono state uccise, stuprate, maltrattate in un anno!!!
    Ma come mai l'uomo spesso, se una donna dopo avere subito violenze per anni decide di lasciarlo, viene uccisa?
    Io vorrei chiederlo agli uomini come mai se siamo lasciate da un uomo noi non ricorriamo alla violenza, e magari rimaniamo sole a mantenere i figli?
    Penso che questa sia la dimostrazione della forza che in ogni circostanza la donna possiede.
    Un abbraccio
    Bruna

    RispondiElimina
  24. Cara Erika,
    grazie, io però continuo a dire che se siamo unite forse riusciremo ad avere maggiore dignità in ogni campo come donne.
    Un abbraccio
    Bruna

    RispondiElimina
  25. Ciao Diana Bruna,
    grazie per la tua gradita visita!
    Eh magari i nostri adorati mici fossero longevi come noi. Ma nel loro piccolo ci danno moltissimo.
    cari saluti a te, Tigrina Zazà e Nanà,
    da Dany e i suoi amici e modelli felini :-)

    RispondiElimina
  26. Buongiorno Dany,
    grazie di essere qua...
    Del gatto potremo sempre essere amici...ammesso che loro lo accettino perchè si tratta di un pelosetto molto indipendente e mai schiavo.
    Abbraccio
    Bruna

    RispondiElimina
  27. sempre fortunato sto Achille prima immortale me poi aiutato pure da Giove, mi sa tanto che anche lui è un falso mito... anzi un mito omine..

    RispondiElimina
  28. Enio,
    fortunato questo Pie' Veloce Achille, figlio di una Dea, aiutato da Giove...
    però anche lui aveva il suo lato debole...quel famoso tallone che gli è stato fatale!!!
    Buona serata
    Bruna

    RispondiElimina
  29. Oh sì, la vedo ancora lunga e piena di ostacoli la via. Ma è aperta in parte ben tracciata grazie al coraggio di tante.

    RispondiElimina
  30. Cara Sandra,
    tante hanno avuto il coraggio di tracciare la strada che avrebbe fatto il bene di tutti, ma non sempre tutti hanno la forza o il coraggio...o diciamo, per convenienza...di capire quanti sono stati i sacrifici fatti negli anni passati ed anche in quelli recenti.
    Ciao
    Un abbraccio
    Bruna

    RispondiElimina
  31. un mito bellissimo, raccontato con delicatezza e intelligenza.

    RispondiElimina
  32. Grazie Sara e benearrivata.
    Mi è piaciuto ricordare questo mito perchè spesso vi ravviso la condizione femminile...relegata in secondo piano nonostante la forza che le donne potrebbero dimostrare nella vita di tutti i giorni.
    Ciao
    Abbraccio
    Bruna

    RispondiElimina
  33. La meschinità maschilista del sommo Giove che non concesse la vittoria ad una donna perché sarebbe stato uno scorno per il suo orgoglio, rimane pur sempre uno scorno disonorevole tramandato ai posteri ad ammonimento che anche dagli Dei non sempre è da aspettarsi giustizia.

    RispondiElimina