mercoledì 31 ottobre 2012

HALLOWEEN

Non so se i bambini di ora aspettano ancora la filza, forse in qualche famiglia la tradizione non si è ancora perduta.... A me rievoca una fanciullezza in cui le tradizioni erano molto sentite. La mia mamma mi raccontava che da ragazze andavano al mattino presto alla messa dei defunti e i ragazzi che facevano la corte alle ragazze lanciavano loro le castagne bollite (a Massa le chiamano i ballotti) e quando uscivano dalla Chiesa, le mamme orgogliosamente dicevano: "La mia figlia ha preso più ballottate di tutte..." Quanta poesia...
Ho riproposto questo post che già pubblicai tre anni fa perché forse non tutti conoscono queste tradizioni tutte massesi. 
Da qualche anno si festeggia Halloween con streghette, maghi, dolcetti e scherzetti,
ma...


 

Quando noi eravamo bambini ed ancora adesso, in qualche famiglia, qua da noi, c'è ancora la tradizione che alla sera dei Santi , i bimbi ricevono la "filza" formata da dieci castagne bollite ed una mela, altre dieci ed una mela e così via, fino a formare una specie di collana-rosario, che mettono al collo.
Penso che, nonostante i tempi che corrono, e tutto cambia, sia bello mantenere queste tradizioni che sempre hanno una ragione di essere.
In questa foto Giulia la mia nipotina che ora ha quasi quattordici anni e questa sera andrà a festeggiare Halloween con le amiche...senza la filza...
Qua mentre trascina un'amichetta sul carrello.

39 commenti:

  1. Che bella bimba Giulia !!!

    Mi piace la tradizione della filza, non la conoscevo, ma quella mela tra le dieci castagne oltre ad essere decorativa suppongo abbia un significato...sarebbe interessante conoscere l'origine di questa usanza.

    Buona domenica,cara Bruna !

    Un abbraccio a te e un bacione a Giulia !

    RispondiElimina
  2. Halloween è una festa imposta dal consumismo e io non riesco ad apprezzarla.
    So, comunque, che in certe zone della Sicilia (Palermo), i "Morti" hanno sempre portato i regali come altrove Gesù Bambino per Natale.
    Non conoscevo la tradizione della Filza, adesso sì!
    Ciao, Bruna.

    RispondiElimina
  3. Sì, sono proprio da riscoprire e da rivalutare, le vecchie tradizioni.
    Ci parlano di famiglia, di serenità, di amicizia, di consumo necessario e bastante...e, a quanto ricordo, anche di allegria.
    Grazie, Ape Bruna, per questa piccola perla.
    Sir

    RispondiElimina
  4. Giusto, conserviamo le NOSTRE tradizioni e lasciamo Halloween agli americani...

    Questa non la conoscevo, che bella!

    Ciao Bruna, buona serata.

    RispondiElimina
  5. Buongiorno guerrero, la sagra della filza e del marocco è a Montignoso, a pochi km da qua, paese della mia provincia. Che buono il marocco, quel pane fatto con la farina di mais e le olive novelle sbriciolate dentro!!! Ciao bruna

    RispondiElimina
  6. Ciao Alessandra, anch'io sono amante delle tradizioni che fanno parte delle nostre radici. La filza, come ho già detto è un rosario. Infatti le castagne, che sono dieci tra una mela e l'altra, sarebbero le Ave Maria e le mele i misteri della vita e morte di Gesù (gaudioso, doloroso ecc.) come vengono poi recitate sgranando il rosario.
    Altra cosa che a me piace ricordare era quello che mi raccontava la mia nonna . Quando la mia mamma e le mie zie erano ragazze, alle cinque della mattina della giornata dei defunti, le accompagnava alla messa e là usava che i giovani, per dimostrare alle ragazze la loro ammirazione, o perchè magari per fare la corte, tiravano loro le ballotte (castagne bollite). Naturalmente le più belle ricevevano il maggior numero di "ballottate" e la mia nonna ....orgogliosamente mi diceva..."Non immagini quante ballotte arrivavano alle mie figlie, perchè erano le più belle."
    Ecco come si coniuga a volte il sacro al profano!
    Ciao Alessandra un baciotto Bruna

    RispondiElimina
  7. Cio Wasp. Com'è oggi il cielo a San Remo e Bussana?
    A dire il vero la filza di cui ho parlato, praticamente non viene regalata ai bambini il 31 ottobre (festa di halloween) ma la notte del primo di novembre e i bambini la trovano il 2, quindi la tradizione dice che sono i defunti che l'hanno portata.
    Ciao buon inizio di settimana Bruna

    RispondiElimina
  8. Sir, tu che sei toscano, non conoscevi questa usanza?
    Le vecchie tradizioni sono proprio quelle che ci legano al passato. Peccato però che col tempo, le varie tecnologie, tutto piano, piano si disperde.
    Ciao baciotti alle due biricchine, alla pisichella e a te. Bruna

    RispondiElimina
  9. Sirio buona settimana. Sarebbe veramente bello potere mantenere le tradizioni e questa della filza con le castagne, fa proprio parte del mio paese....del resto il suo nome è Castagnetola...
    Era bello quando alla mattina dei defunti, ci svegliavamo e trovavamo la filza....Poi alla sera rimaneva qualche buccia attaccata al filo... e qualche torsolo di mela sbocconcellato.
    Nostalgia dell'infanzia...magia delle tradizioni.
    Ciao abbracci Bruna

    RispondiElimina
  10. Le tradizioni sono quegli accadimenti che ci fanno vivere ogni anno, ricordi di rara bellezza..

    RispondiElimina
  11. Ciao cara Debora. Ti dirò che ho scritto una favola proprio su questo tema, dove un vecchio castagno chiede se ancora esiste la tradizione della filza. Gli viene risposto che ora c'è Halloween e lui, che non comprende neppure la parola perchè mai l'aveva sentita, fa considerazioni su quanto cambiano le cose con l'andare del tempo.
    Cara Debora, mi sa che prima o poi, inizierò a pubblicare qualcuna di queste mie favole. Ma la gente, ha ancora voglia di favole? Chi lo sa.
    Ciao un abbraccio Bruna

    RispondiElimina
  12. Ciao, Bruna
    oggi mi sono svegliato col rumore della pioggia...
    Adesso non piove più, ma c'è un intenso passaggio di nuvoloni neri!

    RispondiElimina
  13. Ciaooooooo Wasp, anche qua pioggia a scrosci!!!!! Ma io ami la pioggia...quindi per me è festa.
    Ciao verrò a trovarti ancora per vedere le tue foto. Un abbraccio Bruna

    RispondiElimina
  14. Conosci qualche poesia o filastrocca o detto su queste belle tradizioni massesi, Ape Bruna?
    Un grande abbraccio
    Sir

    RispondiElimina
  15. Ciao Sir Carlo, cercherò di trovare qualcosa che ricordi le tradizioni massesi, poi te le passerò.
    Buona giornata, baciotti a tutti in casa Bruna

    RispondiElimina
  16. Ma che occhi! Belli è dir poco! Ne sono estasiato e innamorato. Mi ricordo che tu li avevi già postati, Bruna, ed io ti feci i miei complimenti.
    Beh, basta, sennò la proprietaria delle pupille si monta la testa
    Baci
    Sir

    RispondiElimina
  17. Si, caro riccio Sir,
    se tu vai a leggere il post precedente vedrai che li ho messi per farti piacere...so che quando li levai dal blog...ti arrabbiasti molto...come vedi non dimentico nulla!!! Mi sa anche che ti avevo promesso di mettere un giorno, per intero, la..proprietaria...di questi splendidi occhi....e mi sa che in un blog l'abbia già messa, ma non ricordo qual'era, bisogna che vada a cercare..
    Ciaooo
    Abbraccio
    Bruna

    RispondiElimina
  18. Ciao cara Bruna,bello e interessante il tuo post,buona serata,un bacio enorme come il mio affetto per te.

    RispondiElimina
  19. grazie del commento lasciato da me, complimenti per il tuo blog, bello ed interessante. Ciao

    RispondiElimina
  20. Ti dirò di più, Bruna: ho salvato la foto con gli splendidi occhi e per un po' faranno da sfondo al mio ps

    Salutami "splendide pupille"

    Carlo

    RispondiElimina
  21. No, non ps, volevo dire: pc
    baibai

    RispondiElimina
  22. Rientro ora dal mio soggiorno in Colombia e devo dire che queste usanze non le conoscevo affatto. La filza poi all'inizio non ho capito cosa fosse. Molto interessante il tuo post.

    RispondiElimina
  23. non conoscevo questa tradizione delle ballotte... non sapevo in generale ci fossero tradizioni di halloween in italia. carina però!
    un abbraccio

    RispondiElimina
  24. Belle tradizioni ....vanno mantenute.
    La tua nipotina ora va alla festa di Halloween con le amiche ma quello che hai seminato sicuramente è ben sedimentato nel suo bagaglio culturale e darà i suoi frutti.

    RispondiElimina
  25. Ciao Bruna, grazie di essere passata a trovarmi... Io non sopporto questa festa di Halloween, che una volta non esisteva.
    Noi abbiamo sempre avuto la festa di Ognissanti.
    Ciao a presto.

    RispondiElimina
  26. Dalle mie parti non c'è mai stato nulla legato a questa festa. Però le tradizioni antiche mi piacciono.

    Un bacione

    RispondiElimina
  27. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  28. Un bacio anche a te carissimo Achab, dolcissimo amico.
    Ti auguro che il fine settimana ti porti cose belle.
    Bruna

    RispondiElimina
  29. Grazie Alisa, grazie a te per essere venuta a trovarmi e per gli apprezzamenti al mio blog.
    Verrò ancora a trovarti perchè anche il tuo piace a me.
    Ciao a presto
    Bruna

    RispondiElimina
  30. Eh si, devo proprio dire che gli occhi di Chicca sono proprio belli, senza contare che la fotografia non fa onore ai colori che in realtà sono ancora più belli.
    Ciao caro Ricciotto, un abbraccio
    e buon fine settimana
    Bruna

    RispondiElimina
  31. Ciaoooo Ambra, finalmente sei tornata dal tuo bellissimo viaggio in Colombia...ti aspettavamo perchè sei una cara amica.
    Un abbraccione
    Bruna

    RispondiElimina
  32. Ciao cara Ellie,
    le tradizioni di cui parlo io non fanno parte della festa di Halloween che è la festa "moderna" e del consumismo anche se si dice essere festa celtica...
    quelle di cui parlo io sono quelle di altri tempi e che si "tenta" di mantenere vive, tipo quella della "filza" così chiamata nella mia città. La filza di ballotte e mele veniva regalata ai bambini la notte tra i santi e i defunti.
    Ora però sono più pochi quelli che la fanno proprio perchè fanno più "effetto" le streghe, il dolcetto e scherzetto di stampo americano...
    Ciao buon fine settimana
    Abbraccio
    Bruna

    RispondiElimina
  33. Si, Sandra, diciamo che andrebbero mantenute, ma la società del consumismo ha la facoltà di accantonarle facendo preferire cose più di immediato effetto che però hanno poca durata nel tempo.
    Buona domenica
    baciotto
    Bruna

    RispondiElimina
  34. Cara Ale, figurati se la sopporto io questa festa...così tanto festeggiata dai bambini moderni e dai giovani, abituati da questa società a tutto ciò che fa effetto.
    Te la immagini la differenza dell'emozione che noi bambini di un "tempo" provavamo al mattino quando ci alzavamo e trovavamo sul comodino la filza? La mettevamo subito al collo... era pesante e ci faceva piegare la testa, ma com'erano buone le castagne che smangiucchiavamo durante la giornata...
    Io ho continuato a farla ai miei nipoti per mantenere la tradizione...ma chissà se loro, essendo vissuti in questi tempi.. la faranno ai loro figli...
    Ti abbraccio
    Bruna

    RispondiElimina
  35. Ciao Kylie,
    forse non mi sono spiegata bene, ma io non volevo dire che questa festa che ora viene chiamata Halloween sia da me apprezzata...tuttaltro..
    volevo dire che vengono accantonate le bellissime tradizioni in cui erano i morti che facevano regali ai bambini. Infatti la filza veniva fatta la sera dei Santi e fatta trovare ai bambini la mattina del due novembre.
    Io so di altre zone d'Italia dove ci sono tradizioni in cui i defunti portano regali ai bambini, forse per esorcizzare la tristezza di quel giorno.
    Buona domenica
    Bruna

    RispondiElimina
  36. Non m'interessa la pubblicità, infatti nel mio blog non la troverete e perciò prego gentilmente questo sito austriaco non chiedere la mia collaborazione.
    Grazie
    Bruna

    RispondiElimina
  37. Ciao Bruna,leggo i tuoi post,sempre interessanti ma li leggo sempre in ritardo....Ti lascio un abbraccio ed un cordialissimo saluto.Buona domenica.

    RispondiElimina
  38. Chicchina lo sai che anche se arrivi in ritardo, qua sei sempre bene accolta.
    Cone stai? Tutto bene?
    Questa sera il tempo è un po' migliorato, ma erano due giorni che pioveva....ma tu sai che io amo la pioggia...
    Ciao carissima
    Un baciotto
    Bruna

    RispondiElimina