mercoledì 24 aprile 2013

25 APRILE



Nessun commento perchè sarebbe superfluo.
Ricordo solamente che quel giorno la mia mamma pianse molto, ero piccolina, e siccome non comprendevo la ragione delle sue lacrime, mi disse:
"Piango perchè è finita la guerra"

Alla luce dei momenti che stiamo vivendo attualmente in questa nostra Italia, saranno serviti tanti sacrifici?
 

17 commenti:

  1. Una ricorrenza sempre più attuale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si caro Costantino,
      è giusto ritenerla una festa molto importante poer il nostro popolo anche se molti la considerano solamente come un "ponte" da passare in vacanza e nulla più.
      Un abbraccio
      Bruna

      Elimina
  2. La Libertà non ha uguali! Per non dire della Costituzione, nata dalla Resistenza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Adriano
      se solo tanti si rendessero conto di quello che racchiude in se una parola come Libertà, sono certa che saprebbero apprezzarla di più- E che dire della Costituzione che è una delle più belle del mondo perchè nata dal sacrificio di chi ha regalato la vita.
      Ciao abbraccio
      Bruna

      Elimina
  3. Un pensiero a coloro che morirono per ottenere la libertà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Erika
      un pensiero profondo perchè dare la propria vita per dare la libertà non solo a se stessi, ma a tutto un popolo credo che sia la cosa più grande e da non dimenticare, ma purtroppo molti hanno la memoria corta o proprio non se ne rendono conto.
      Un bacione
      Bruna

      Elimina
  4. Cara Bruna, io cero quel 25 aprile, avevo 15 anni e posso dire di aver visto e provato di tutto, la gioia e i pianti di quel giorno non lo dimenticherò mai più
    vedendo quel giubilo, sentendo le campane che suonavano correndo nelle piazze è stato indimenticabile. Ciao e buon 25 aprile cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissimo Tomaso
      c'ero anch'io, ero più bambina di te ma non lo dimenticherò mai. Noi non siamo corsi nelle piazze perchè le nostre piazze non esistevano più, erano tutte distrutte, Sopra al fiume Frigito di Massa attraversano tre ponti, quindi figurati che cosa puo' essere successo come bombardamenti e cannoneggiamenti per distruggerli ed impedire l'avvanzata delle truppe...
      Le sofferenze sono state molte, ma la gioia di avere riacquistato la Liberazione e la Libertà è stata grande.
      Un abbraccio
      Bruna

      Elimina
  5. Abbiamo la memoria corta. Purtroppo.

    Buon 25 aprile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Kylie,
      hai perfettamente ragione e questo a chi ha vissuto quel periodo puo' fare male al cuore.
      Ho notato che molti nostri amici hanno ignorato un avvenimento come questo, forse perchè non sanno capire o se ne infischiano di quello che è stato e che mai dovremo dimenticare, non sanno apprezzare un avvenimento come quello della Liberazione, della Libertà e della Costituzione nata dalla Resistenza. I tempi cambiano, cambia la società ed anche le menti.
      Ciao carissima ti abbraccio
      Bruna

      Elimina
  6. La Storia non insegna più niente...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Gianna,
      purtroppo la storia a molte persone non ha insegnato proprio nulla perchè guardandoci attorno constatiamo che molti non comprendono quello che ha comportato arrivare alla Libertà dopo anni di dittatura e che la Liberazione da tutto ciò ha costato la vita di molti che hanno dato la loro vita.
      Quando leggo la vita dei condannati a morte nella Resistenza sento dentro di me angoscia, dolore ed anche rabbia perchè il vedere a volte alla tv gente che farebbe meglio a tacere ed invece con arroganza inveire contro chi ha ancora dignità e voglia che le cose cambino in meglio.
      E' triste Gianna perchè i momenti che stiamo vivendo non sono rassicuranti e questo dovrebbe farci riflettere davanti a rigurgiti molto palesi di un'ideologia pericolosa.
      Ciao cara
      un abbraccione
      Bruna

      Elimina
  7. Ciao, Bruna.
    Io ho avuto la fortuna di conoscere personalmente alcuni partigiani della mia Città. Li ho sentiti parlare, li ho visti commuoversi!!
    E' desolante constatare come alcuni giovani non sappiano cosa rappresenti il 25 Aprile....
    Ora e sempre, Resistenza!




    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Leonardo,
      i partigiani che hanno combatturo per avere la Libertà, che hanno visto morire loro compagni quasi sempre molto giovani e questo perchè credevano in un mondo migliore, libero da ogni dittatura, ebbene a questi partigiani noi dovremmo baciare le mani invece di chiamarli "criminali" come ho visto nel blog di quel Grillo che più che Grillo è una cavalletta!!! E prima di nominare Pertini dovrebbero pensarci non una, ma mille volte perchè quel Presidente era onesto, dignitoso a da rispettare e non da citare da gente che non sa neppure parlare
      Io ero piccola in quel periodo, ma lo ricordo bene. La mia famiglia ha pagato caro quel periodo: uno zio morto in Russia lasciando due bambini piccolissimi, tre miei zii fuorusciti per bel 12 anni perchè socialisti e pestati dalle squadracce, la mia nonna che aveva un negozio di alimentari fallita perchè le squadracce andavano e volevano derrate alimentari di ogni tipo dicendo "paga il duce". Infine noi che abbiamo perduto tutto in provincia di Fiume perchè il mio babbo, già orfano di guerra 15/18 era stato assunto nelle strade statali e mandato là. L'8 settembre siamo ritornati a Massa abbandonando tutto....e la mia fanciullezza felice è rimasta là e nulla è più stato come prima!!! Noi che siamo profughi della Venezia Giulia ed avremmo avuto diritto, dopo gli orfani di guerra, a qualsiasi posto di lavoro nello stato, MAI , dico mai ,abbiamo approfittato di questo ....quando diciamo ciò ci prendono per cretini!!! Ed anche il mio babbo che è stato internato a Buchenwakd e dalle botte che ha ricevuto gli hanno deformato una mano, neppure lui ha voluto nulla!!! Avremmo potuto profittare anche del fatto che mio fratello fu sindaco per cinque anni della mia città, ma mai avremmo voluto nè lui, nè noi infangare il nostro nome conprivilegi e nepotismi!!! Si siamo dei cretini, ma abbiamo la cosa più importante che è la dignità!!! E di questo ne vado fiera
      Ti abbraccio forte
      Bruna

      Elimina
  8. Dobbiamo pensare positivo, il 25 aprile ci appartiene ci siamo liberati dal totalitarismo e siamo entrati nella democrazia, anche se a volte ci vengo dubbi.

    RispondiElimina
  9. Ciao Fer,
    hai ragione dobbiamo pensare positivo, ma a volte la Democrazia puo' diventare fragile se non viene usata con criterio.
    Un abbraccio
    Bruna

    RispondiElimina
  10. Excellent way of describing, and good piece of writing to get
    information concerning my presentation subject matter,
    which i am going to convey in institution of higher education.

    Here is my homepage - home internet careers Reviews

    RispondiElimina